Terapia conservativa

Per terapia conservativa si intende la cura della lesione cariosa o del trauma della corona dentale a cui consegue la ricostruzione del dente con resina composita o ceramica.
La moderna terapia conservativa segue il generale concetto odontoiatrico di mini invasività, ovvero minima asportazione tessutale e adesione chimica al tessuto sano residuo.
La parte del dente distrutta viene ricostruita mediante un’otturazione in resina composita che è esteticamente simile al colore del dente tanto da renderla praticamente indistinguibile dal dente naturale.

Nel caso in cui l’otturazione non sia possibile, per la quantità eccessiva di dente distrutto, si può procedere alla realizzazione di intarsi in resina composita o ceramica.
Nei denti anteriori si possono eseguire, in alternativa, delle faccette in ceramica cementate in maniera adesiva, se la componente estetica del dente è compromessa per ristabilire un risultato estetico ottimale.

Cos’è la carie?

La carie origina dalla placca, composta da residui di cibo e batteri , che aderisce ai denti nei punti in cui non si è  in grado di mantenere un’igiene orale corretta.
I batteri presenti nella placca trasformano gli zuccheri in acidi che corrodono inizialmente lo smalto e successivamente anche la dentina.
Il dente colpito dalla carie non guarisce mai da solo.
Qualora il dente non venga opportunamente curato la carie progredisce fino a raggiungere la polpa (fascio vascolo nervoso) provocandone l’ infiammazione (pulpite) con forti dolori e conseguente necessità di devitalizzare il dente (trattamento endodontico).

Richiedi appuntamento